DISTRETTO | IL TAVOLO DEI MUSEI SI AMPLIA E SI COMPONE DI BEN 40 STRUTTURE

Visualizza la sezione: DISTRETTO | IL TAVOLO DEI MUSEI SI AMPLIA E SI COMPONE DI BEN 40 STRUTTURE
Visualizza la sezione: DISTRETTO | IL TAVOLO DEI MUSEI SI AMPLIA E SI COMPONE DI BEN 40 STRUTTURE

Nuoro_3 giugno 2022_Il Tavolo dei Musei del Distretto Culturale del Nuorese si arricchisce di nuovi musei, siti archeologici e aree di valore storico, artistico e culturale, diventando una realtà di ben 40 luoghi della cultura da visitare in circa 17 comuni del nuorese. Con entusiasmo hanno accolto l'invito a partecipare alle attività del Tavolo dei Musei e della più ampia mission del Distretto: a Nuoro Spazio Ilisso, un centro espositivo e di produzione e promozione artistica e culturale, inaugurato nel dicembre del 2019 per iniziativa della casa editrice Ilisso, con la volontà di condividere l’esperienza di 35 anni di ricerca, produzione editoriale e mostre d’arte, rendendo fruibile, attraverso una esposizione permanente, la più significativa collezione di scultura e ceramica sarda del ’900; la Galleria d'Arte Manca Spazio che si impegna a dar valore agli artisti contemporanei, lasciando aperto il dialogo con quelli storicizzati, dei quali sarà possibile conoscere lavori ancora inediti, di particolare interesse.

Tra i nuovi musei è entrato a far parte del Distretto il Museo Etnografico sa Domo E' Marras di Galtellì, un palazzetto nobiliare settecentesco che ha conservato l'aspetto di un vero e piccolo castello con torretta merlata e che ospita gli strumenti e i macchinari più rappresentativi della comunità galtellinese, legati alle attività artigianali proprie del mondo agro-pastorale, recuperati localmente grazie alla collaborazione della popolazione, la Casa Museo Porcu Satta, abitazione del Dottor Giovanni Porcu, medico condotto di Gavoi e Ollolai, costruita nel 1901 e che si distingue per la bellezza delle stanze affrescate dal pittore decoratore Molinari, di particolare rilievo è la ''Stanza Ciusa'', dove si trovano mobili in perfetto stile Sardo, interamente progettata dallo scultore Francesco Ciusa; mentre, sempre a Gavoi, sarà possibile visitare il Museo del Fiore Sardo che intende valorizzare il prodotto principe della pastorizia sarda e gavoese, il rinomato Fiore Sardo, appunto, attraverso un percorso espositivo improntato a creare suggestioni e sviluppare curiosità. Ed ancora, entrano a far parte del Tavolo dei Musei, il Parco Archeologico Bosco Seleni di Lanusei che comprende due tombe di giganti e un villaggio nuragico, in una cornice ambientale caratterizzata da una fitta copertura di lecci e roveri e il Museo Diffuso di Arte Contemporanea denominato MAC LULA dislocato in più realtà museali individuate all’interno di unità abitative storiche a Lula che ospitano quadri e sculture di rilevanza locale, nazionale e internazionale. Ed infine, a Villagrande Strisaili, sia S’Arcu ‘e is Forros, un villaggio-santuario, costruito su un antecedente insediamento di capanne, in una porzione di terra delimitata da due torrenti che comprende tre templi, due isolati di capanne e, poco distante, un nuraghe trilobato. Sia Sa Carcaredda, il complesso archeologico nascosto in mezzo a un bosco di lecci,al confine tra Ogliastra e Barbagia. Continua, quindi, in modo ancora più ampio e sinergico il percorso iniziato nel 2016 del Tavolo dei Musei che ha permesso la realizzazione di attività culturali comuni, attraverso il proficuo confronto sulle iniziative create da ogni istituzione culturale, e la valorizzazione e promozione continuativa delle realtà culturali e le iniziative sviluppate nel nostro territorio.

 

Tavolo dei Musei del Distretto

Elenco e mappa dei luoghi: - https://www.google.com/maps/d/viewer?mid=13YWf-xmbUxpPH8dsrTzuLHQJjdWv3CaD&usp=sharing

NÙORO

Museo Archeologico Nazionale G. Asproni

MAN - Museo d'Arte Provincia di Nuoro

Museo Casa Natale di Grazia Deledda

Museo del Costume

Complesso Nuragico di Noddule

Nuraghe Tanca Manna

Spazio Ilisso

Galleria d’arte MancaSpazio.

 

ATZARA

Museo MAMA Atzara  - Museo d'Arte Moderna e Contemporanea Atzara

 

BITTI

Complesso Nuragico di Romanzesu

Museo Multimediale del Canto a Tenore

Museo della Civiltà Contadina e Pastorale

Bittirex 

 

DORGALI

Acquario di Cala Gonone

Area Archeologica di Tiscali

Museo Archeologico di Dorgali

Grotta Ispinigoli

Villaggio Nuraghe Mannu

Villaggio Serra Orrios

Parco S'Abba Frisca

 

GALTELLì

Museo Etnografico Sa domo ‘e sos Marras.

 

GAVOI

Casa Museo Porcu Satta

Museo Fiore Sardo

 

LANUSEI

Parco Archeologico Seleni

LULA

MAC LULA – Museo Arte Contemporanea

 

IRGOLI

Santuario Nuragico di Janna 'e Pruna e di Su Notante

L' Antiquarium Comunale

 

MAMOIADA

Museo della Cultura e del Lavoro

Museo MATER

Museo delle Maschere Mediterranee

 

MEANA SARDO

Complesso archeologico Nuraghe Nolza

 

OLZAI

Casa Museo Carmelo Floris

Su Mulinu Vetzu

 

ORANI

Museo Nivola

 

ORUNE

Su Tempiesu

 

ORGOSOLO

Scopri Orgosolo Audio Visite Guidate sui Murales

 

TÌANA

Museo di Archeologia Industriale Le Vie dell'Acqua

 

VILLAGRANDE STRISAILI

S’Arcu ‘e is Forros

Sa Carcaredda.

 

Per maggiori informazioni:

Distretto Culturale del Nuorese

www.distrettoculturaledelnuorese.it

comunicazione@distrettoculturaledelnuorese.it

0784 242540

 

 

 

 

DANIELA SPOTO ILLUSTRA IL DISTRETTO

Visualizza la sezione: DANIELA SPOTO ILLUSTRA IL DISTRETTO
Visualizza la sezione: DANIELA SPOTO ILLUSTRA IL DISTRETTO

Comunicato Stampa

Nuoro_4 aprile 2022_Il Distretto Culturale del Nuorese racconta i suoi personaggi attraverso la penna creativa di Daniela Spoto.

Nata a Nuoro trentasei anni fa, Daniela Spoto ama leggere, disegnare e realizzare i libri con un tratto che fa emergere la sua passione per gli artisti sardi e stranieri, soprattutto giapponesi, ricreando atmosfere tipiche dei miti e delle fiabe, tra personaggi che ricordano antiche storie. E dal tratto vibrante e sensibile della Spoto, e dai colori delicati e armonici della sua tavolozza, prendono vita i personaggi che dall’Ottocento ad oggi hanno animato la vita culturale del Nuorese.

Tecniche grafiche tradizionali incontrano quelle digitali in molte opere della Spoto, restituendo non solo un risultato affascinante – lo sguardo si perde nel passaggio dal tratto realizzato a matita a quello creato con la tavoletta grafica – ma il racconto per immagini appare l'emblema di quel legame tra storia e modernità che contraddistingue il Distretto Culturale del Nuorese, le sue realtà culturali e i suoi illustri personaggi.

Attualmente basata in Germania, a Düsseldorf, Daniela Spoto dichiara: 'È un onore e un piacere immenso poter raccontare attraverso il mio lavoro la ricchezza del Distretto Culturale del Nuorese: potermi confrontare e dialogare  con luoghi, artiste e artisti che sin da quando ero bambina hanno suscitato su di me una grande fascinazione. Studiare e raccontare un percorso che abbraccia la storia e la contemporaneità mi permette di approfondire e raccontare la mia storia stessa”.

Il Distretto, quindi, si racconta attraverso un linguaggio universale e di forte impatto come quello dell'illustrazione, per eccellenza il medium che unisce estetica e contenuto, qualità formali e funzioni narrative. La sfida, per Daniela Spoto, è stata quella di ridisegnare il Distretto, i personaggi, le realtà culturali e i luoghi che più lo caratterizzano. Combinando fonti fotografiche, iconografiche e fantasia, l’artista nuorese ha realizzato cinquanta ritratti di artisti, scrittori, musicisti, scienziati e intellettuali, con una forte presenza femminile che restituisce un’immagine nuova, più accurata e inclusiva, della cultura nuorese.

A Grazia Deledda è, naturalmente, dedicato un posto speciale: i protagonisti dei suoi romanzi prendono forma in ritratti immaginari variopinti ed intriganti, che invitano alla lettura.

L’immagine scelta per rappresentare il Distretto Culturale del Nuorese è quella di una giovane donna che, taccuino e matita alla mano, immersa nella natura, osserva in lontananza le montagne del Supramonte: natura e cultura sono inestricabilmente legate nel cuore della Sardegna, la prima è da sempre la fonte di ispirazione della seconda. Un messaggio romantico, senza tempo, ma anche una forte presa di posizione sulla necessità odierna di guardare alla natura con rispetto, in un’ottica di sostenibilità e protezione del territorio. Le opere di Spoto saranno ora declinate nei materiali di comunicazione del Distretto, per poi confluire nel nuovo portale web attualmente in preparazione.

“La scelta di affidare ad un'artista nuorese di livello come la Spoto, dichiara A. Cicalò presidente dell'Associazione Distretto Culturale del Nuorese, si inserisce in un percorso più ampio di crescita, professionalità e valorizzazione del territorio e delle sue realtà culturali imprescindibile dopo ben dieci anni dalla nascita del distretto”.

 

Per maggiori informazioni:

Distretto Culturale del Nuorese

www.distrettoculturaledelnuorese.it

comunicazione@distrettoculturaledelnuorese.it

0784 242540