Nènnere startup contest

Visualizza la sezione: Nènnere startup contest
Visualizza la sezione: Nènnere startup contest

NÈNNERE 2020 Startup Contest” è il concorso per sostenere la creazione di nuove imprese culturali nel territorio del Nuorese realizzato dal Distretto Culturale del Nuorese e dalla Camera di Commercio di Nuoro, nell'ambito degli interventi previsti dal “Piano Straordinario di Rilancio del Nuorese” della Regione Autonoma della Sardegna, e con la collaborazione con il Consorzio Universitario Nuorese per le azioni di didattica e formazione.

Lunedì 5 luglio, alle ore 11.00, al TEN – Teatro Eliseo di Nuoro sono state presentate le idee progettuali vincenti di Nènnere 2020. In palio tre premi da 8000, 5000 e 2000 euro per chi si costituirà, entro 10 mesi dalla proclamazione della vittoria, in impresa individuale o società di capitali pluripersonale con sede legale od operativa presso la circoscrizione territoriale della C.C.I.A.A. di Nuoro. Per le società verrà concesso un ulteriore bonus pari ad € 1.000. È previsto un premio speciale realizzato da Make in Nuoro, Fab lab della CCIAA di Nuoro.

I numeri dell'edizione 2020 di Nènnere: 10 idee d'impresa selezionate nella prima fase; 16 giovani aspiranti imprenditrici e imprenditori; 1 percorso formativo erogato da 10 professionisti e professioniste del mondo dell’impresa culturale; 9 business plan presentati alla giuria; 3 vincitori decretati dal Comitato Tecnico e Scientifico di Nènnere.

Il percorso formativo, realizzato dal Distretto Culturale del Nuorese in collaborazione con il Consorzio Universitario Nuorese UniNuoro, si è tenuto nel mese di maggio, tra incontri in aula e in modalità on line finalizzato alla predisposizione del business plan ed elevator pitch. Tra i docenti del corso ricordiamo Agostino Cicalò, Barbara Argiolas, Giulio Iacchetti, Gianluca Nonnis e Nicola Pirina che hanno approfondito insieme agli studenti le opportunità e rischi delle start up, individuato gli strumenti e le strategie indispensabili per una comunicazione efficace, analizzato gli elementi importanti del marketing territoriale sino alle regole del business in un mercato globale.

Durante la cerimonia di premiazione  al TEN di Nuoro le aspiranti startup finaliste hanno presentato la loro idea di impresa, in una mattinata all’insegna della cultura e dell’innovazione: Elisa Bassu, Christian Deiola, Maura Fancello, Alessandro Petazzi e Cristina Cerina, Giulia Loddo, Cinzia Masuri, Elena Mereu, Davide Pinna e Tore Marras e Fabio Deriu, Marta Staffa e Mariano Sanna, Giuseppina Usai e Sara Usai. La giornalista Carlotta Lucato ha presentato i futuri imprenditori e gli interventi di alcuni esperti e docenti del corso di formazione di Nènnere. La mattinata è stata animata  dal Djset di Saimon Da Costa Issa.

In merito, Agostino Cicalò, Presidente della CCIAA di Nuoro e del Distretto Culturale del Nuorese dichiara: ‘Abbiamo fortemente creduto nell’organizzazione di Nènnere, Startup Contest del Distretto finalizzata a raccogliere nuove idee di business per il territorio e soprattutto indirizzata a formare giovani imprenditori, fornendo gli strumenti adatti per avviare una impresa e creare opportunità per la costruzione di un futuro per loro e per la nostra società. D’altronde, in questi anni così difficili è ancora più importante dare risposte concrete alle esigenze delle persone e delle imprese. I premi in palio, insieme alla formazione e al confronto sviluppato con i docenti del corso di formazione curato con il Consorzio Universitario UniNuoro, vogliono essere un segnale di rilievo della presenza del Distretto Culturale del Nuorese’.

Vi presentiamo i vincitori e le loro idee:

1° Classificato: Cristian Deiola con il Progetto ApprOn.

Si è distinto per il valore del contenuto tecnologico dell'idea, le potenzialità di sviluppo e l'adeguata e approfondita documentazione. Si rileva anche una buona attinenza al percorso formativo e professionale del futuro imprenditore. Un buon voto anche per la potenziale attrattività commerciale, in un contesto sociale in cui le persone sono costantemente alle prese con situazioni di complessità e la gestione di flussi informativi. Appron viene incontro all’esigenza di raggiungere il bello (inteso come benessere e soddisfazione personale). 

2° Classificata: Giulia Loddo, Progetto Philos

Si riconosce una buona capacità dell'imprenditrice a illustrare l'idea in tutte le sue fasi. Dalla documentazione, completa e ben articolata, emerge un'idea solida e realizzabile, anche alla luce del percorso formativo e delle competenze specifiche della giovane imprendritrice. La partecipazione pregressa, con esiti positivi dal punto di vista delle vendite, ad Autunno in Barbagia, dimostra sia lo spirito di imprenditorialità della candidata, che le potenzialità di sviluppo dell’impresa. L'idea imprenditoriale rispecchia al meglio gli obiettivi del concorso e del Distretto.

3° Classificata: Elena Mereu, Progetto Nàrami
Si distingue per un'idea che soddisfa le esigenze del territorio e del mercato, ben articolata nelle sue parti e con interessanti elementi di novità ed attinenza con la mission del Distretto. Le realtà culturali del distretto potrebbero beneficiare di Nàrami e dei servizi proposti, contribuendo a migliorare la promozione della cultura e del patrimonio artistico e culturale. Ottimo il percorso formativo e professionale della giovane imprenditrice, adeguata la documentazione, articolata, ben scritta e motivata nelle diverse parti.

 

 

Edizioni precedenti

Edizione 2019